L'ANTICO ANTRO

Forum Gratuito di discussione dove Amicizia, Sincerità, Onestà e Confronto sono le parole chiave.
 
IndiceCalendarioFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Basilico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Oberon
Admin
avatar

Numero di messaggi : 230
Età : 37
Localizzazione : Firenze
Data d'iscrizione : 30.10.07

MessaggioTitolo: Basilico   Sab Gen 12, 2008 2:44 am

Allontana la povertà anche spirituale.
Il basilico (Ocimum basilicum) è una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Lamiaceae (o Labiate), coltivata come pianta aromatica ed utilizzata in cucina per la realizzazione di svariati condimenti.

In Francia è chiamato anche herbe royale (erba reale) o pistou.

Il basilico è considerato a tutti gli effetti una pianta dalle proprietà medicinali e - secondo quanto sostenuto anche da Plinio il Vecchio in alcuni suoi scritti - sarebbero ad esso da attribuire poteri afrodisiaci.


Origine e nomenclatura [modifica]
Il basilico è originario dell'Asia tropicale: probabilmente fu coltivato inizialmente in Iran o in India e giunse attraverso il Medio Oriente in Europa, particolarmente in Italia e nel sud della Francia attorno al XV secolo; successivamente, nel XVII secolo iniziò ad essere coltivato anche in Inghilterra e, con le prime spedizioni migratorie, nelle Americhe.

La sua etimologia deriva al termine di lingua greca βαζιλιχων (basilikon = pianta reale) da cui basileus, re, e - in latino - basilicum, reale, per la grande rilevanza conferita a questa erba.


Descrizione [modifica]
Il basilico è una pianta erbacea annuale con foglie ovali lanceolate di 2-5 centimetri di lunghezza. Il colore delle foglie varia dal verde pallido al verde intenso, oppure è viola o porpora in alcune varietà.

I fusti eretti, ramificati, hanno una sezione quadrata come molte delle Lamiaceae, ed hanno la tendenza a divenire legnosi e frondosi.

I fiori, bilabiati, piccoli e bianchi hanno la corolla di 5 petali irregolari. Gli stami sono 4 e gialli. I fiori sono di piccola taglia e raggruppati in infiorescenze all'ascella delle foglie. I semi sono fini, oblunghi e neri.


Distribuzione [modifica]
La specie è spontanea in Africa e in India; in Italia è coltivata come annuale.


Storia [modifica]
Gli antichi egizi utilizzavano il basilico per le offerte sacrificali.
I Galli coltivavano il basilico a luglio/agosto finché è in fiore. I raccoglitori di questa pianta sacra dovevano sottoporsi a rigidi rituali di purificazione: lavarsi la mano con cui si doveva raccogliere nell'acqua di tre sorgenti diverse, rivestirsi di abiti puliti, tenersi a distanza dalle persone impure (ad esempio, le donne durante il periodo delle mestruazioni) e non utilizzare attrezzi in metallo per tagliare i fusti.

Il basilico era considerato una pianta sacra in quanto lo si riteneva capace di guarire le ferite, soprattutto quelle di archibugio; era quindi un ingrediente dell'acqua rossa vulneraria.

Elisabetta da Messina, eroina del Decamerone di Boccaccio, seppellì la testa del suo amante in un vaso di basilico annaffiandolo con le sue lacrime.


Varietà [modifica]
Alcune varietà:

Basilico a piccole foglie, Ocimum minimum, dal gusto che ricorda il limone, diffuso nei mercati, il suo profumo intenso è perfetto per la cucina (soupe au pistou, salse).
Basilico a grandi foglie, può arrivare a 10 cm, ha un aroma di gelsomino, di liquirizia e di limone.
Basilico porpora, con foglie decorative di color porpora e fiori rosa pallido, ha un aroma dolce ed un po' piccante, si può usare nelle insalate.
Basilico tailandese, l'aroma delle sue foglie ricorda la menta e il chiodo di garofano, e si utilizza con i frutti di mare e nelle minestre esotiche.

Coltivazione [modifica]
Il basilico necessita di un clima caldo e soleggiato, mediterraneo o tropicale. Si può coltivare anche in paesi temperati, sia in vaso che in piena terra.

Necessita di almeno cinque ore d'insolazione quotidiana; luglio-agosto è il periodo migliore per la raccolta delle sue foglie da conservare poi in congelatore per i mesi successivi.

Attenzione: il basilico soffre il freddo e non resiste se la temperatura scende al di sotto di 10 °C.

Preferisce un suolo fresco e ben drenato e una esposizione riparata.

Le piante di Basilico vanno regolarmente cimate, vale a dire vanno asportati gli apici vegetativi ed i fiori che man mano si formano questo sia per consentire una crescita più rigogliosa sia per allungare il ciclo di vita che terminerebbe con la fioritura e la conseguente fruttificazione.

La propagazione si ottiene per semina in primavera, verso marzo-aprile. In un clima temperato, la semina va fatta in serra o in vasi mantenuti ad una temperatura di circa 20 °C. Il trapianto in piena terra si può fare quando la temperatura si è sufficientemente alzata e non c'è più pericolo di gelate notturne, quindi tra aprile e maggio a seconda del clima locale.


Utilizzi [modifica]

Per l'alimentazione [modifica]

Un mazzetto di basilico in cucina, pronto per confezionare il saporito pesto, la salsa ligure per antonomàsiaLa varietà DOP del basilico genovese è particolarmente indicata per confezionare il caratteristico pesto, il tipico sugo di Genova a base di basilico triturato e mescolato a pinoli, olio di oliva e formaggio grana (uno dei simboli della cucina italiana), con il quale si possono condire svariati tipi di paste asciutte, ma anche tartine e focacce.

Come erba aromatica fresca si usa nelle insalate, con i pomodori ben maturi, le zucchine, l'aglio, i frutti di mare, il pesce (triglia), le uova strapazzate, il pollo, il coniglio, l'anatra, le insalate di riso, la pasta e le salse (nella vinaigrette, con il limone, o con l'olio d'oliva).

Si utilizza preferibilmente crudo perché non tollera le lunghe cotture che ne attenuano il profumo.

Nelle pietanze calde, va aggiunto appena prima di servirle per conservare un sapore vivo e fresco.

Qui di seguito vengono riportate alcune specialità che si possono confezionare servendosi del basilico:

Pesto, è una ricetta tipica della cucina ligure per realizzare una salsa utilizzata, tra le altre cose, come condimento per la pasta; il basilico - meglio se è il classico basilico genovese - è unito a olio di oliva, formaggio parmigiano, pinoli e aglio.
Spaghetti alle erbe
Velutata di basilico al parmigiano
Soupe au pistou, piatto tipico della Provenza
Pistou (sud della Francia): è una ricetta ispirata al pesto genovese, ma si prepara senza i pinoli per accompagnare le minestre estive di legumi, e come condimento per la pasta.
Note:

Il basilico è difficile da abbinare ad altre erbe aromatiche, tra cui il prezzemolo, il timo e il rosmarino.
In frigorifero si può conservare al massimo per due giorni, bene avvolto in un canovaccio da cucina.
Secco perde completamente il suo profumo, conviene piuttosto congelarlo.
Lo si può pestare in un mortaio per rompere le cellule che contengono l'olio essenziale e per liberare meglio l'aroma.
Il basilico si trova commercializzato in mazzetti, che all'acquisto devono essere turgidi e verdi; può essere anche acquistato in vaso, cosa che ne permette l'utilizzo fino all'autunno.
Il suo olio essenziale è utilizzato per la preparazione di profumi e liquori; dalla distillazione della pianta fresca si ottiene un'essenza contenente eucaliptolo ed eugenolo.

In India, il basilico è una pianta sacra e non si può utilizzare nell'alimentazione.


Per la salute [modifica]
pianta medicinale :
le foglie e le sommità fiorite vengono utilizzate per preparare degli infusi che hanno azione sedativa, antispastica delle vie digerenti, stomachica e diuretica, antimicrobica. Utilizzato contro l'indigestione e come vermifugo.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://anticoantro.forumativo.com
 
Basilico
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Archivio Ricette - I Primi ( Pasta, Riso, Zuppe, Focacce e affini) : classici, etnici e Inventati dai Viandanti
» Il basilico: tanti modi di usarlo

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
L'ANTICO ANTRO :: CALDERONE :: Erboristeria-
Andare verso: